Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Un mio paziente di 65 anni ha subito un anno fa un intervento di prostatectomia radicale con successivo ciclo di radioterapia. L’incontinenza post operatoria era stata recuperata fino a quando circa 15 giorni fa c’è stata l’espulsione di un “corpo estraneo” (clip metallica?) dalla vescica con notevole dolore e ricomparsa di incontinenza senza segni di miglioramento. Cosa potrebbe essere successo? Cosa si potrebbe fare? Grazie

65-74 anni Maschio

Incontinenza

 

 

Un mio paziente di 65 anni ha subito un anno fa un intervento di prostatectomia radicale con successivo ciclo di radioterapia. L’incontinenza post operatoria era stata recuperata fino a quando circa 15 giorni fa c’è stata l’espulsione di un “corpo estraneo” (clip metallica?) dalla vescica con notevole dolore e ricomparsa di incontinenza senza segni di miglioramento. Cosa potrebbe essere successo? Cosa si potrebbe fare? Grazie

 

Caro collega, non essendo certi del corpo estraneo espulso sono varie le ipotesi che si possono fare, in ogni caso è opportuno procedere con una uretrocistoscopia ed eventuale ecografia. Queste indagini possono dare elementi sia sull’esclusione di altri corpi estranei che sulla condizione funzionale. In genere dopo radioterapia si può avere un peggioramento della continenza per effetto sull’uretra e, a volte, anche sulla vescica. La valutazione urodinamica può fornire informazioni per stabilire se il danno e solo uretrale con indicazione a sfintere artificiale o anche sulla vescica con riduzione della capacità vescicale che rende meno semplice la risoluzione della disfunzione.

31 Gennaio 2017