Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Soluzioni Incontinenza Post Prostatectomia

Gentile Dottore,

mio marito, dopo intervento alla prostata, per tumore, è affetto da incontinenza urinaria e impotenza. Ha 73 anni e la cosa più importante ora è risolvere il problema dell’incontinenza. Ha avuto tre episodi di ostruzione della vescica, risolti con interventi ambulatoriali dolorosissimi. Ora nonostante ginnastica specifica l’incontinenza non si risolve. Ho letto che esistono tecniche chirurgiche per risolvere il problema.

Le chiederei un parere.

La ringrazio e resto in attesa.

 

Gentilissima,
esistono delle tecniche chirurgiche per risolvere il problema, quali la sling maschile e lo sfintere artificiale. La sling maschile può essere applicata nei pazienti con incontinenza lieve/moderata. Lo sfintere artificiale invece è da riservare nei casi con incontinenza severa e assenza di tono sfinterico residuo. Prima di procedere con l’una o con l’altra tecnica è necessaria una valutazione dal punto di vista urologico e anamnestico per valutare il quadro globale e decidere per la soluzione migliore, considerando il paziente nella sua interezza, a maggior ragione se ci riferisce di avere avuto episodi di ostruzione e ritenzione urinaria nonostante l’incontinenza. Questo perché in caso di ostruzione, intervenire chirurgicamente può portare a ritenzione urinaria e a gravi problemi conseguenti, quindi andrebbe risolta l’ostruzione prima di prendere in considerazione qualsiasi intervento. Una valutazione endoscopica (uretro-cistoscopia) risulta importante nella decisione chirurgica.
Cordiali Saluti,
Dott. Simone Morselli
Dott. Vincenzo Li Marzi

5 Giugno 2019