Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Incontinenza postoperatoria

D: Buongiorno, sono un paziente di 65 anni operato il 20 giugno di prostatectomia totale robot assistita per un tumore maligno. Attualmente a distanza di tre mesi soffro ancore di una incontinenza media in quanto la sotto riesco a stare asciutto quando sto seduto o a riposo riesco a portare le urine nel bagno ma quando cammino o faccio altre attività perdo urine abbastanza. Abito a Napoli: cosa mi consiglia? Dove rivolgermi? Da poco ho iniziato a fare qualche esercizio in modo autonomo ma non so se faccio bene.

R: Caro Signore,
è frequente il riscontro di un certo grado di incontinenza dopo intervento di Prostatectomia radicale robot assistita,che può persistere fino anche a 6 mesi dall’intervento con buon margine di recupero spontaneo. Dato positivo è che la notte rimane asciutto. Certamente eseguire gli esercizi di riabilitazione del pavimento pelvico possono accelerare il recupero della continenza, ma è determinante effettuare il ciclo riabilitativo in modo corretto e sotto la stretta sorveglianza di personale qualificato. Ciò che è importante inoltre è valutare la modalità di minzione e se riesce a svuotare completamente la vescica con un semplice esame flussometrico ed ecografico ed escludere infezioni delle vie urinarie con esame delle urine. Se dopo 12 mesi dall’intervento persiste l’incontinenza è indicato eseguire esami più complessi per eventuale correzione chirurgica.

Dott.ssa Pistolesi Donatella, specialista in urologia