Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Ho 60 anni e negli ultimi 3 anni ho avuto diversi episodi di difficoltà ad urinare risolti con antibiotico e topster. A fine luglio ho avuto quasi un blocco, Sono stato dal mio urologo che ha riscontrato la prostata ingrossata e dolente in una parte; mi ha prescritto ciproxin 1000 per 15gg, topster supposte per 10 giorni e xatral. Ho fatto una ecoaddome che ha rilevato la prostata ingrossata volume 63ml e nessun altro problema. Ora devo fare esame del sangue e urina e poi iniziare con Avodart. Continuo con Xatral e nutriprost ogni giorno. Ad inizio cura sono stato subito meglio, ora di giorno sto abbastanza bene mentre di notte devo alzarmi almeno 3 volte, fare poca pipi con sforzo. Ho dolori ai testicoli ed in generale al basso ventre. La cura secondo il suo giudizio può ritenersi appropriata e bastevole? Capisco che a distanza è molto difficile però gradirei una sua valutazione. La ringrazio e saluto cordialmente

55-64 anni Maschio

Altro

 

 

Ho 60 anni e negli ultimi 3 anni ho avuto diversi episodi di difficoltà ad urinare risolti con antibiotico e topster. A fine luglio ho avuto quasi un blocco, Sono stato dal mio urologo che ha riscontrato la prostata ingrossata e dolente in una parte; mi ha prescritto ciproxin 1000 per 15gg, topster supposte per 10 giorni e xatral. Ho fatto una ecoaddome che ha rilevato la prostata ingrossata volume 63ml e nessun altro problema. Ora devo fare esame del sangue e urina e poi iniziare con Avodart. Continuo con Xatral e nutriprost ogni giorno. Ad inizio cura sono stato subito meglio, ora di giorno sto abbastanza bene mentre di notte devo alzarmi almeno 3 volte, fare poca pipi con sforzo. Ho dolori ai testicoli ed in generale al basso ventre. La cura secondo il suo giudizio può ritenersi appropriata e bastevole? Capisco che a distanza è molto difficile però gradirei una sua valutazione. La ringrazio e saluto cordialmente

 

Preg.mo, i suoi sembrano i classici disturbi ostruttivi legati alla ipertrofia prostatica. La terapia che Le è stata indicata mi sembra assolutamente idonea, anche se macano alcuni dati quali i risultati dell’esame di urina, della valutazione del residuo postminzionale (quantità di urina che eventualmente rimane in vescica dopo la minzione), del dosaggio del PSA e della uroflussometria (per misurare il getto urinario). Cari saluti

31 Gennaio 2017