Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

FAQ SIUD

BannerSquaresbluenarrowFAQ

La necessità di confrontarsi tra argomenti di grande attualità ed interesse ha spinto la SIUD a coinvolgervi adesso anche su questo canale.
La pandemia, ad esempio, pone questioni non del tutto chiare sull’impatto dell’infezione da SARS CoV-2 nel paziente neuro-urologico.
Formuleremo delle domande su modello PICO ( Patient Intervention Comparison Outcome), cercando inizialmente di rispondere ad ogni quesito clinico in base alla letteratura disponibile (scarsa per la verità). Ci auguriamo che ciò scateni una spontanea discussione fra tutti, condividendo esperienze e considerazioni personali che non sempre coincidono con le evidenze.

Il paziente con lesione midollare è più a rischio di contrarre il covid 19 rispetto alla popolazione generale?

La prima FAQ della SIUD, pubblicata sui social su temi neurourologici, ha suscitato interesse con diverse valutazioni da parte dei soci ma anche di pazienti e loro familiari. Sulla base di quanto emerso, la Commissione di neuro-urologia della SIUD, promotrice insieme al Presidente di questa iniziativa, offre alcune considerazioni finali sul tema, supportate dai dati bibliografici finora disponibili.

In generale tutti hanno la stessa possibilità di contrarre il COVID-19 se esposti, ma esistono fattori di rischio che possono influenzare la gravità del decorso della malattia. Questi fattori includono: l’età maggiore di 60 anni, il genere maschile, alcune comorbidità quali il diabete mellito, obesità, insufficienza d’organo, malattie cardiovascolari e polmonari, immunodepressione e cancro1

E’ ragionevole presumere la lesione midollare come una comorbilità ad alto rischio, soprattutto le lesioni cervicali, principalmente a causa della presenza di insufficienza respiratoria a causa della debolezza dei muscoli toraco-addominali e anche a causa dell’immunosoppressione sistemica indotta dalla lesione midollare stessa. Tuttavia, non ci sono dati di prevalenza specifici su questa popolazione. In risposta alla pandemia, la comunità clinica è stata comunque abbastanza responsabile nel diffondere le informazioni delle singole esperienze di più centri specializzati per la cura delle lesioni midollari2. A tal proposito, il North American Spinal Cord Consortium ha recentemente raccolto in un unico documento la sintesi di tutti i case reports pubblicati di persone con lesione midollare e Covid-193.

Sul rischio di contagio vi è da tenere in considerazione un aspetto fondamentale che accomuna tutte le persone con disabilità, e cioè quello legato alle misure di igiene e alla dipendenza dal contatto fisico con le persone di supporto. Pertanto è necessario adottare misure protettive aggiuntive nelle persone con lesione midollare come ad esempio quello di osservare una distanza di sicurezza maggiore, di almeno 6 piedi (1.8 metri) poiché le persone su sedia a rotelle hanno una maggiore esposizione alle goccioline di saliva quando parlano con persone in piedi (più alte di loro), oppure quella di spingere la sedia a rotelle (in particolare i cerchioni, i pneumatici e i joystick) con un panno igienizzato o una salvietta antibatterica. Queste e molte altre raccomandazioni sono disponibili sul sito dell’International Spinal Cord Society4 

Referenze

  1. Rodríguez-Cola M, Jiménez-Velasco I, Gutiérrez-Henares F, López-Dolado E, Gambarrutta-Malfatti C, Vargas-Baquero E, Gil-Agudo Á. Clinical features of coronavirus disease 2019 (COVID-19) in a cohort of patients with disability due to spinal cord injury. Spinal Cord Ser Cases. 2020 May 13;6(1):39. doi: 10.1038/s41394-020-0288-3. PMID: 32404896; PMCID: PMC7220608.
  2. Righi G, Del Popolo G. COVID-19 tsunami: the first case of a spinal cord injury patient in Italy. Spinal Cord Ser Cases. 2020 Apr 17;6(1):22. doi: 10.1038/s41394-020-0274-9. PMID: 32303672; PMCID: PMC7163165.
  3. Disponibile online. https://nasciconsortium.org/wp-content/uploads/2020/12/White-Paper-Known-Evidence-Related-to-COVID-FINAL-11-24-20.pdf
  4. Disponibile online. https://www.iscos.org.uk/covid-19-resources-