0523.315144 | segreteria@siud.it
Iscrizione SIUD

Salve ho 28 anni e sono ormai 4 anni che vivo con un dolore continuo allo scroto e mi invalida giornalmente perché posso caricare nemmeno un sacchetto di spesa che il dolore diventa più forte non posso correre o giocare con mio figlio perché non faccio altro che far aumentare il dolore che mi dura per diversi giorni. Si pensava che avessi un ernia alla schiena perché anch’essa mi provoca un po di dolore ma ho solo dei minimi bulging e perciò la schiena vista dal un ortopedico e apposto. L’urologo mi fece fare spermi gramma urino cultura ed ero tutto infiammato cosi presi antibiotici per alcuni mesi ma il dolore nn si fermo.
Allora decise di operarmi di orchidopessi , mi legò i testicoli perché il testicolo dx dove ho il dolore era in ascensione trovo una ciste nell epididimo dx e nn fece niente disse che andava bene e un varicocele di 1 grado e disse che era apposto, ma neanche quest’intervento mi risolvo il problema decido cosi di provare un altro urologo molto rinomato che mi riscontro, intrappolamento nervo genitofemorale cosi mi disse di andare da un medico che faceva terapia del dolore. Mi diede degli antiepilettici e il dolore si dimezzo quasi a nn sentirsi più dopo 4 mesi di questa cura provando senza l’antiepilettico il dolore tornava molto forte cosi decise di iniziare un ciclo di infiltrazioni al livello inguinale per cercare di desensibilizzare il nervo compromesso finito primo ciclo con stop di un mese il dolore riappare forte e continuo allora sono in fase di continuare col secondo ciclo già sono alla 2 ma già dal giorno dopo l infiltrazione sento dolore.
Vi chiedo a voi cosa posso fare e un situazione molto angosciante io opterei per asportare tutto il testicolo e l epididimo dx perché nn ce la faccio più a sopportare questo dolore che ormai mi tiene a letto per evitare qualsiasi movimento.

 

Gent.mo,
Per quel che leggo in effetti potrebbe trattarsi di un dolore neuropatico visto anche la risposta seppur transitoria alle terapie antalgiche a cui si è finora sottoposto. Per quel che mi riferisce sembrerebbe inoltre che non vi sia un problema organico al testicolo che giustificherebbe ulteriori interventi invasivi, quali la stessa asportazione definitiva che peraltro, potrebbe non comportare la risoluzione del dolore. Tuttavia, andrebbero comunque escluse altre problematiche organiche e confermata l’origine neurologica del dolore attraverso accertamenti  quali ad es. nuovi esami colturali per escludere la persistenza di infezione genitourinaria (presente per come leggo tra le prime indagini eseguite), esami radiologici tra cui senz’altro un’ecografia pelvica e dei test neurofisiologici. Inoltre, sebbene non siano state documentate ernie alla colonna, sarebbe comunque utile anche una valutazione fisiatrica vista l’associazione del dolore con i movimenti e/o attività fisica che potrebbe essere secondaria a difetti posturali e/o asimmetrie del bacino.
Cordialmente
Dott.ssa Stefania Musco – specialista in Urologia
6 febbraio 2018

Categorie

WWW.SIUD.IT

© 2018 SOCIETÀ ITALIANA DI URODINAMICA.
Tutti i diritti riservati
Privacy Policy
Cookie Policy
Created by PSTM
top
© 2018 SIUD

Setup Menus in Admin Panel