Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Dal gennaio 2006 mio marito è portatore di vescica neurologica a seguito di stenosi del canale lombare non individuata in tempi utili. Dopo l’intervento la situazione si è presentata critica e nonostante numerosi tentativi visite, prove di sensibilità presso l’ospedale Maria Adelaide di Torino la situazione non è potuta essere cambiata. Effettua 4/5 cateterismi al giorno per lo svuotamento della vescica e spesso contrae infezioni urinarie. Ci potrà essere qualche possibilità per migliorare la mia e sua vita futura? Grazie

55-64 anni Maschio

Vescica neurologica

 

 

Dal gennaio 2006 mio marito è portatore di vescica neurologica a seguito di stenosi del canale lombare non individuata in tempi utili. Dopo l’intervento la situazione si è presentata critica e nonostante numerosi tentativi visite, prove di sensibilità presso l’ospedale Maria Adelaide di Torino la situazione non è potuta essere cambiata. Effettua 4/5 cateterismi al giorno per lo svuotamento della vescica e spesso contrae infezioni urinarie. Ci potrà essere qualche possibilità per migliorare la mia e sua vita futura? Grazie?

 

Gent.ma sig.ra, nei casi di ritenzione urinaria neurogena possono essere tentati trattamenti di neuromodulazione. Tuttavia, il successo di tali terapie dipende molto dal grado di lesione neurologica e dalla presenza di un recupero spontaneo funzionale, seppur solo sensitivo, che usualmente si verifica entro i primi anni dalla lesione. Le suggerisco di rivolgersi ad un centro di neuro-urologia. Cordialmente

1 Febbraio 2017