Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Comunicato stampa – Comune di Firenze

Sono oltre 500 i partecipanti registrati per il 45esimo congresso nazionale della Società scientifica italiana di urodinamica (Siud) che si terrà, in presenza, dal 23 al 25 settembre a Firenze, al Palazzo dei Congressi. In programma anche il 19esimo congresso nazionale fisioterapisti, infermieri, ostetriche. L’appuntamento, che torna a Firenze dopo le edizioni del 1992 e del 2012, è stato presentato oggi in Palazzo Vecchio dall’assessore a Fiere, congressi e turismo Cecilia Del Re. In programma sessioni multidisciplinari, letture magistrali e workshop monotematici. Per la prima volta sarà presente una sessione riservata all’incontro con alcune associazioni di pazienti, in modo da poter avere un confronto. Tra i partecipanti i presidenti del congresso Vincenzo Li Marzi e Sergio Serni, il presidente Siud Marco Soligo insieme ai presidenti onorari Marco Carini e Giulio Del Popolo. La locandina del congresso raffigura il monumento in piazza Santa Croce di Dante Alighieri, un omaggio a 700 anni dalla morte del Sommo Poeta. 

“Un evento che porterà a Firenze oltre 500 partecipanti che si sono dati appuntamento in città per l’incontro nazionale più atteso del settore – ha detto l’assessore a Fiere, congressi e turismo Cecilia Del Re -. Un segnale importante di rilancio di Firenze come destinazione congressuale dopo lo stop imposto al settore e le difficoltà vissute da tantissime imprese. Su questo stiamo continuando a lavorare, con una programmazione che non si è mai arrestata neanche nel periodo della pandemia, per attrarre a Firenze eventi di questo livello: un comparto fondamentale non solo per le aziende e l’indotto, ma anche come elemento decisivo per combattere il turismo mordi e fuggi e portare a Firenze visitatori con una maggiore permanenza media e attenzione alla nostra città”. 

Oggi sono stati anche resi noti i risultati di uno studio sulla prevalenza dei sintomi genito-urinari e del loro impatto sulla qualità di vita dei tassisti: l’indagine, anonima, ha coinvolto circa 500 persone. Un terzo dei tassisti maschi risulta avere sintomi genito-urinari moderati-severi. Nel sesso femminile lo studio ha dimostrato che l’abitudine al fumo e il dolore pelvico cronico sono significativamente più prevalenti tra le tassiste affette da sintomi del basso tratto urinario moderati e gravi.