Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Buon giorno, per problemi di altro genere, mi è stata riscontrato un importante residuo post-minzionale di circa 1500 cc. Mi sono affidato ad uno specialista che dopo vari accertamenti ed una cateterizzazione di una settimana mi ha consigliato di assumere Urorec per un lungo periodo di tempo. Successivamente ad altro consulto con altro medico il percorso terapeutico è cambiato in maniera radicale: cateterizzazione di 3 mesi con successivo intervento. A prescindere dalla diversità di vedute ciò che mi angoscia è la possibilità diagnostica dal secondo parere sulla fatto di avere una vescica con danno irreversibile. Vorrei sapere se esistono centri Urologici particolarmente all’avanguardia per problematiche del genere. Grazie per una risposta anche privata.

45-54 anni Maschio

Altro

 

 

Buon giorno, per problemi di altro genere, mi è stata riscontrato un importante residuo post-minzionale di circa 1500 cc. Mi sono affidato ad uno specialista che dopo vari accertamenti ed una cateterizzazione di una settimana mi ha consigliato di assumere Urorec per un lungo periodo di tempo. Successivamente ad altro consulto con altro medico il percorso terapeutico è cambiato in maniera radicale: cateterizzazione di 3 mesi con successivo intervento. A prescindere dalla diversità di vedute ciò che mi angoscia è la possibilità diagnostica dal secondo parere sulla fatto di avere una vescica con danno irreversibile. Vorrei sapere se esistono centri Urologici particolarmente all’avanguardia per problematiche del genere. Grazie per una risposta anche privata.

 

Gent.mo, purtroppo è impossibile fornire una prognosi sul grado di recupero della sua vescica anche dopo intervento, che comunque può essere indicato nel caso in cui gli accertamenti diagnostici depongano per una possibile componente eziologica ostruttiva. Oltre cause, molti sono i fattori che possono influenzare negativamente il successo terapeutico, tra cui la severità e la cronicità della condizione di ritenzione urinaria, quest’ultima peraltro spesso difficilmente stimabile da un punto di vista temporale. Le porgo i miei migliori auguri.

30 Gennaio 2017