Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Buon giorno Dottori, ho 75 anni e sono stato operato di prostatectomia totale nel settembre 2014. Non ho avuto necessità né di radioterapia né di chemio, intervento ben riuscito ma conseguente incontinenza, molto forte nei primi due mesi successivi poi diminuita progressivamente credo anche dopo ginnastica pelvica ed elettrostimolazioni. L’incontinenza si è diminuita al punto che dal classico pannolone ero passato ad usare 3 assorbenti giornalieri livello 3 a volte anche livello 2, ora però si sono verificati due episodi a distanza di 15 giorni circa uno dall’altro: per due notti l’incontinenza è stata talmente abbondante che l’assorbente è risultato insufficiente. Mi è stato consigliato, naturalmente dopo accurati accertamenti, un’intervento con applicazione di sling. Chiedo cortesemente il vostro parere ed un’eventuale appuntamento per una visita. Grazie

65-74 anni Maschio

Incontinenza

 

 

Buon giorno Dottori, ho 75 anni e sono stato operato di prostatectomia totale nel settembre 2014. Non ho avuto necessità né di radioterapia né di chemio, intervento ben riuscito ma conseguente incontinenza, molto forte nei primi due mesi successivi poi diminuita progressivamente credo anche dopo ginnastica pelvica ed elettrostimolazioni. L’incontinenza si è diminuita al punto che dal classico pannolone ero passato ad usare 3 assorbenti giornalieri livello 3 a volte anche livello 2, ora però si sono verificati due episodi a distanza di 15 giorni circa uno dall’altro: per due notti l’incontinenza è stata talmente abbondante che l’assorbente è risultato insufficiente. Mi è stato consigliato, naturalmente dopo accurati accertamenti, un’intervento con applicazione di sling. Chiedo cortesemente il vostro parere ed un’eventuale appuntamento per una visita. Grazie

 

Gentile signore, la riabilitazione del pavimento pelvico rappresenta il primo provvedimento terapeutico dopo chirurgia prostatica con buona percentuale di successo per il ripristino della continenza. Se l’incontinenza persiste è indicato associare la terapia farmacologica (ad es duloxetina) e dopo 12 mesi anche provvedimenti chirurgici. Il posizionamento nell’uomo di sling (benderella in genere di materiale sintetico sotto l’uretra con lo scopo di impedire la fuoriuscita di urina in particolare durante sforzi come sollevare un peso, cambi posturali o colpi di tosse) è considerato intervento di tipo mini-invasivo, relativamente nuovo nell’uomo ma ben consolidato nella donna, con buoni risultati nel ripristino della continenza anche a distanza di tempo. Deve però essere proposto quando sussistono condizioni ben precise evidenziabili con esami mirati. E’ pertanto necessario sottoporre il paziente preoperatoriamente ad attenta valutazione con esami specifici quali es delle urine con urinocoltura, uretrocistoscopia, esame urodinamico.

31 Gennaio 2017