Tel. 0523.315144
segreteria@siud.it
Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content

Salve dottore, ho 70 anni; circa 5 anni fa sono stato operato di prostatectomia radicale. In seguito, dopo 3 anni, ho avuto un intervento per risolvere la stenosi uretrale con intervento a caldo e freddo; ora sto bene, mi sento in forma ma sono incontinente al 100%, perdendo urina anche di notte. Sono trascorsi 31 mesi dall’intervento alla stenosi, non ho più avuto infezioni di alcun genere, il flusso è ottimo, non ho mai fatto chemio o cose simili, per fortuna. Ora vorrei risolvere il problema dell’incontinenza, mi hanno consigliato un clistere di plastica. Io sono preoccupato per questa soluzione. Mi consigliate soluzioni diverse? In ogni caso vorrei affidarmi a Voi. Grazie! Distinti saluti.

65-74 anni Maschio

Incontinenza

 

 

Salve dottore, ho 70 anni; circa 5 anni fa sono stato operato di prostatectomia radicale. In seguito, dopo 3 anni, ho avuto un intervento per risolvere la stenosi uretrale con intervento a caldo e freddo; ora sto bene, mi sento in forma ma sono incontinente al 100%, perdendo urina anche di notte. Sono trascorsi 31 mesi dall’intervento alla stenosi, non ho più avuto infezioni di alcun genere, il flusso è ottimo, non ho mai fatto chemio o cose simili, per fortuna. Ora vorrei risolvere il problema dell’incontinenza, mi hanno consigliato un clistere di plastica. Io sono preoccupato per questa soluzione. Mi consigliate soluzioni diverse? In ogni caso vorrei affidarmi a Voi. Grazie! Distinti saluti.

 

Gentile Signore, penso che lei si riferisca allo sfintere artificiale che, nel caso suo, parrebbe effettivamente esserci l’indicazione. Certamente esistono varie alternative chirurgiche per l’incontinenza da sforzo maschile. Una opzione per esempio sono gli slings uretrali, con buona percentuale di successo riportata in letteratura ed incoraggianti dati anche nel follow-up a lungo termine. Oltre questo, esistono una serie di altre possibilità terapeutiche che andrebbero analizzate caso per caso. Le consiglio comunque di rivolgersi ad uno specialista urologo per il corretto inquadramento diagnostico e discutere sulle varie opportunità terapeutiche.

1 Febbraio 2017